Il Corso di studi si articola attualmente in cinque indirizzi che orientano le comuni competenze culturali, pedagogiche, sociali e metodologiche verso specifiche conoscenze e abilità professionali che qualificano l’educatore socio-pedagogico negli ambiti:

  • dei servizi alla prima infanzia (nidi, micronidi, centri prima infanzia, nidi famiglia, ludoteche, animazione educativa in genere, e nei luoghi di cura ospedaliera), pubblici e privati, che accompagnano lo sviluppo e la crescita educativa dei bambini da 0 a 3 anni;
  • dei servizi socio-comunitari che, all’interno della rete sociale territoriale, sostengono le più diverse categorie di minori e adulti, italiani e stranieri, che si trovano in situazioni di fragilità e marginalità;
  • dei servizi educativi e assistenziali specifici, pubblici e privati, che realizzano situazioni progettate per l’accompagnamento ad un “invecchiamento attivo” e  per l’assistenza delle persone anziane e delle famiglie di e con anziani;
  • dei servizi pubblici e privati di informazione, orientamento e placement, che esercitano  attività di formazione e aggiornamento sia interne alle imprese/istituzioni, sia  esternalizzate, di progettazione, gestione e verifica di apprendistati formativi, tirocini formativi e di orientamento, tirocini di inserimento e reinserimento;
  • dei servizi che, attraverso l’attività motoria e sportiva, coniugano la dimensione educativo-pedagogica con quella della motricità, dello sport e del benessere psico-fisico sia per affrontare e prevenire situazioni di fragilità e marginalità, sia per promuovere e mantenere uno stile di vita attivo adattato allo sviluppo evolutivo e funzionale dei soggetti in età avanzata.

     

    Ai cinque ambiti corrispondono cinque percorsi curricolari che richiedono l’acquisizione di comuni conoscenze e abilità culturali, pedagogiche, sociali e metodologiche, indirizzandole verso lo sviluppo di specifiche abilità e competenze professionali proprie dell’educatore che opera nei cinque ambiti indicati.

     

    Il Corso di studi in Scienze dell’educazione prevede, per tutti e cinque i percorsi, la realizzazione obbligatoria di un tirocinio curricolare nel quale lo studente, opportunamente accompagnato, sperimenta, in maniera diretta e indiretta e, soprattutto, in maniera culturalmente riflessiva, il lavoro che si svolge nelle diverse organizzazioni  e nei diversi ambiti in cui l’educatore socio-pedagogico  può essere chiamato a operare.